La virtualizzazione è una tecnologia software ampiamente sperimentata che sta rapidamente trasformando il panorama IT e cambiando dalle fondamenta il modo di utilizzare le risorse informatiche.  

La virtualizzazione travalica i confini dei potenti computer x86 odierni, originariamente progettati per eseguire un singolo sistema operativo e una singola applicazione, e consente di eseguire più sistemi operativi e applicazioni contemporaneamente nello stesso computer, aumentando in tal modo l’utilizzo e la flessibilità dell’hardware.

Funzionamento della virtualizzazione:
La virtualizzazione sostanzialmente consente di trasformare l’hardware in software. Grazie a questi software è possibile trasformare, ovvero “virtualizzare”, le risorse hardware di un computer x86, compresi la CPU, la RAM, il disco rigido e il controller di rete, e creare una macchina virtuale completamente operativa in grado di eseguire i propri sistemi operativi e applicazioni al pari di un computer “reale”.

Più macchine virtuali condividono le risorse hardware senza interferire tra loro. Per tale motivo, è possibile eseguire contemporaneamente diversi sistemi operativi e applicazioni in un singolo computer.

L’approccio alla virtualizzazione consiste nell’inserimento di un sottile strato di software direttamente nell’hardware del computer o nella macchina host. Tale strato software crea le macchine virtuali e contiene un sistema di monitoraggio o “hypervisor” che alloca le risorse in maniera dinamica e trasparente per eseguire contemporaneamente più sistemi operativi indipendenti in un singolo computer fisico.

 L’utilizzo di questa tecnologia permette di ottenere i seguenti obiettivi:

Consolidamento: ottimizzazione dell’utilizzo dei server sfruttando in modo più efficiente le risorse hardware messe a disposizione.
Riduzione dei costi: con la virtualizzazione è possibile ridurre il numero di server necessari e il materiale correlato, con la conseguente riduzione dei costi anche in termini di spazio, alimentazione elettrica e raffreddamento.
Scalabilità: la soluzione proposta, sfruttando il dimensionamento dell’hardware e le potenzialità di VMware, fornisce una alta scalabilità, permettendo di inserire nuovi servizi tramite l’aggiunta di macchine virtuali, senza ridefinire l’infrastruttura.
Alta affidabilità: la soluzione proposta è stata progettata per garantire l’alta affidabilità sia per quanto riguarda le componenti hardware che quelle software. Le prime sono completamente ridondate, anche nelle sue componenti più piccole, la seconde, sfruttando le potenzialità di VMware.
Incremento della reattività e flessibilità operativa: la virtualizzazione fornisce una nuova modalità operativa nella gestione dell’infrastruttura IT, eliminando molte delle operazioni ripetitive per il provisioning, la configurazione, la manutenzione e il monitoraggio.
Vantaggi nell’adozione di una soluzione di virtualizzazione:

Meno incidenti hardware: minore è il numero di server utilizzati, minore è il rischio di guasto hardware;
Riduzione dello spazio occupato in sala macchine: minore è il numero di server utilizzati, minore è lo spazio utilizzato in sala macchine con conseguente riduzione del consumo elettrico e di raffreddamento o condizionamento.
Riutilizzo di tutte le configurazioni esistenti senza re-installazioni: utilizzando un software di conversione da fisico a virtuale è possibile importare i server già installati e renderli virtuali senza doverli rifare;
Una drastica riduzione dei tempi morti per il ripristino dei sistemi: con VMotion i server virtuali possono essere spostati da una macchina all’altra mentre gli utenti continuano a lavorare;
Ambiente di sviluppo e distribuzione: racchiude le macchine virtuali in modo che possano essere spostate facilmente da un ambiente all’altro, consentendo quindi dei test di qualità superiore;
Scalabilità dell’infrastruttura hardware e software: con VMware è possibile aggiungere potenza di calcolo semplicemente aggiungendo un host (server) con la relativa licenza e inserirlo nel pool di server esistenti;
Facilità di dismissione di hardware obsoleto a favore di hardware nuovo: con VMotion piuttosto che con Storage VMotion è possibile spostare le macchine virtuali dal vecchio hardware al nuovo senza fornire disservizio agli utenti;
Snapshot: è possibile effettuare delle “fotografie” delle macchine virtuali prima di un intervento critico (es. applicazione di un service pack), con la possibilità di ripristinare una situazione funzionante in tempi brevissimi in caso di fallimento dell’intervento.
Le seguenti caratteristiche portano vantaggio nell’utilizzo di macchine virtuali:

Compatibilità: le macchine virtuali sono compatibili con tutti i computer x86 standard e trasportabili su un qualunque sistema di virtualizzazione simile.
Isolamento: le macchine virtuali sono reciprocamente isolate come se fossero fisicamente separate.
Incapsulamento: le macchine virtuali incapsulano un sistema di elaborazione completo.
Indipendenza dall’hardware: l’esecuzione delle macchine virtuali è indipendente dall’hardware sottostante.
Per l’implementazione della virtualizzazione si è utilizzato la soluzione di VMware – vSphere 4, azienda leader nel settore di cui il nostro personale possiede la certificazione Professional 4.

logo certificazione vmware5